martedì 17 febbraio 2009
Nella prima fase di un’ emergenza si verifica spesso l’interruzione o il sovraccarico dei sistemi di comunicazioni standard
(Telefoni cellulari, internet, TV, ecc....)
Diventa necessario un sistema autonomo ed indipendente di comunicazione:

LA RADIO


In emergenza, la radio viene usata per coordinare i soccorsi e monitorare gli eventi.

All’interno dell’ Associazione Nazionale Alpini, il nostro nucleo, fa parte dell'UNITA' DI PROTEZIONE CIVILE della Sezione di Vicenza "Monte Pasubio" e rappresenta una delle entità operative che gestisce e cura le telecomunicazioni su richiesta degli enti preposti ad autoprotezione dei volontari.

REFERENTE SEZIONALE: Marco Barbieri

VICE REFERENTE: Barbara Pegoraro

Chi è il volontario di protezione civile

venerdì 13 marzo 2020
Il volontariato di protezione civile è nato sotto la spinta delle grandi emergenze che hanno colpito l'Italia negli ultimi 60 anni: l'alluvione di Firenze del 1966 e i terremoti del Friuli e dell'Irpinia, sopra tutti. Una grande mobilitazione spontanea di cittadini rese chiaro che a mancare non era la solidarietà della gente, ma un sistema pubblico organizzato che sapesse impiegarla e valorizzarla. Il volontariato di protezione civile unisce, da allora, spinte di natura religiosa e laica e garantisce il diritto a essere soccorso con professionalità.

Oggi, rappresenta una risorsa straordinaria in termini di competenze e capacità operativa che conta oltre 5mila organizzazioni in tutto il Paese.

Per sostenere questa realtà, è stato costruito un dettagliato modello normativo, che prevede tutele giuridiche, percorsi formativi e finalizzati al miglioramento della capacità di intervento.

Il decreto legislativo n. 1 del 2018, Codice della Protezioone Civile, include il volontariato organizzato di protezione civile iscritto nell'elenco nazionale del volontariato di protezione civile tra le strutture operative del Servizio nazionale. In particolare per verificare e testare i modelli organizzativi d'intervento in emergenza, il Dipartimento e le Regioni promuovono esercitazioni che simulano situazioni di rischio a cui le organizzazioni di volontariato partecipano.

Il volontariato di protezione civile si articola in organizzazioni nazionali e locali su tutto il territorio nazionale ed è rappresentato dal nuovo Comitato nazionale, previsto dall'art. 42 del Codice di protezione civile.

...
Fonte: http://www.protezionecivile.gov.it/servizio-nazionale/strutture-operative/volontariato

radioamatori

giovedì 10 novembre 2011
Riportiamo alcune parti significative da Wikipedia:

Il radioamatore, in gergo OM (acronimo dall'inglese Old Man) o ham, è uno sperimentatore, senza finalità di lucro, del mezzo radio e delle radiocomunicazioni intese nella più ampia accezione del termine.
Il radioamatore per poter operare deve avere superato un esame scritto, indetto con cadenza in genere semestrale, dal Ministero delle Comunicazioni per il conseguimento di una patente.

Ottenuta la necessaria abilitazione (patente) con il superamento dell'esame, il radioamatore potrà trasmettere da una stazione autorizzata qualsiasi. Se non sussistono elementi pregiudizievoli sulla persona (ad esempio importanti precedenti penali), è possibile ottenere dallo stesso Ministero l'autorizzazione ad impiantare una propria stazione (una volta chiamata ""licenza"", ora ""autorizzazione generale""). La stazione, che in questo modo il radioamatore è autorizzato ad impiantare, è identificata in tutto il mondo in maniera univoca da un nominativo radioamatoriale. Il nominativo viene assegnato dal Ministero ed identifica la stazione ed il suo titolare.


per maggiori informazioni http://it.wikipedia.org/wiki/Radioamatore


Nel nostro nucleo non sono presenti radioamatori e, precisiamo, che la nostra attività di Radiocomunicazioni ANA, non vuole assolutamente sostituire quella dei radioamatori.

Chi siamo

venerdì 13 marzo 2020
La Protezione Civile è un gruppo di uomini e donne preparati e attrezzati, per intervenire nel minor tempo possibile dall'attivazione quando c’è un’emergenza, per montare una tenda, dare un pasto, aiutare dove c’è bisogno e, come nel ostro caso, per realizzare de collegamenti radio all'interno dell'Associazione. Formati e specializzati, interveniamo al fianco delle altre realtà del nostro territorio e di altri operatori del sistema di protezione civile.

Oltre che in casi di emergenza, i volontari operano tutto l’anno, in varie forme: prevenzione, diffusione di buone pratiche tra i cittadini e nelle scuole, conoscenza e controllo del territorio, diffusione di informazioni utili, manutenzione dei mezzi e delle attrezzature.

Inoltre, i volontari frequentano costantememte corsi di formazione e di aggiornamento.

Qualsiasi persona, che abbia compiuto i 18 anni, può diventare volontario di protezione civile. L’iscrizione all'associazione è il primo passo (vedi il menù FARNE PARTE di questo sito).
2455467 visite

TrasmissioniAnaVicenza

Tel: 3470960980
Email: info@trasmissionianavicenza.it